Cent’anni fa nasceva San Giovanni Paolo II: il ricordo della sua storica visita a Tesero e a Stava il 17 luglio 1988

Il 18 maggio 1920, esattamente cent’anni fa, nasceva san Giovanni Paolo, Papa dal 1978 al 2005. Nel centesimo anniversario, Papa Francesco ha presieduto la Messa nella cappella della Basilica di San Pietro dove si trova la tomba di Papa Wojtyla.

La nostra comunità ricorda in particolare la visita di Papa Wojtyla a Tesero e a Stava il 17 luglio 1988.

Di seguito pubblichiamo un’articolo di Avvenire del 27 settembre 2013 con intervista di Mimmo Muolo al cardinale Stanislaw Dziwisz, oggi arcivescovo di Cracovia, ma all’epoca segretario personale del Papa, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria di Tesero a venticinque anni dalla storica visita di Papa Wojtyla.

Per gli abitanti di Tesero e della Val di Stava Giovanni Paolo II è già “santo” da tempo. Più precisamente da venticinque anni. Cioè da quel 17 luglio del 1988 quando si recò nel piccolo centro trentino, tre anni dopo l’alluvione che aveva mietuto 268 morti. L’immagine di papa Wojtyla, in preghiera, inginocchiato davanti al monumento delle vittime aggrappato alla croce è rimasta nei cuori di tutti. E così, mentre si aspetta da un giorno all’altro l’annuncio della data in cui il Papa venuto dalla Polonia sarà proclamato santo anche ufficialmente, gli abitanti e le pubbliche amministrazioni della zona hanno voluto testimoniare il loro affetto al Pontefice con un gesto concreto: il conferimento della cittadinanza onoraria al cardinale Stanislaw Dziwisz, oggi arcivescovo di Cracovia, ma all’epoca segretario personale del Papa e dunque presente a quella visita. Il legame con Tesero e l’associazione “Amici del Presepio” si è poi consolidato nel 2008 quando, nel Santuario della Divina Misericordia di Lagiewniki (alle porte di Cracovia), il Trentino ha esposto i presepi artistici più belli. In quell’occasione, infatti, il porporato presiedette la Messa per i pellegrini provenienti dalla regione.

Eminenza, con quale spirito ha accolto questa cittadinanza onoraria?

Sapevo da diverso tempo dell’intenzione di Tesero di conferirmi questa onorificenza. Ma esitavo ad accettarla. Quest’anno però l’ho fatto di buon grado, perché penso che attraverso di essa si possa rendere un ulteriore omaggio alla figura e all’opera del beato Giovanni Paolo II, che proprio a Tesero si rese protagonista di un gesto commovente. Siamo infatti a venticinque anni dalla visita del Papa nella Val di Stava. E quando egli si recò in Trentino erano passati tre anni dalla tragedia. Ho pensato, dunque, che per ricordare degnamente quella presenza – e la grande consolazione che seppe portare alla gente così duramente colpita – fosse giusto accettare. In ricordo suo e delle 268 vittime.

Che cosa resta di quella visita?

La presenza di Giovanni Paolo II si sente ancora molto forte. Per gli abitanti di Tesero e della Val di Stava quella visita fu davvero un momento di svolta. Arrivando, Giovanni Paolo II trovò un paese e un’intera zona ancora sotto choc per quello che era avvenuto tre anni prima. Ma la presenza del Papa ebbe il potere di cambiare l’atmosfera. Ricordo ancora le sue parole di incoraggiamento quando disse che anche Maria aveva sofferto ai piedi della croce, mentre Gesù moriva, ma che non aveva mai perduto la speranza. Quelle parole, i suoi gesti di affetto restituirono alla gente un nuovo entusiasmo e la volontà di ricominciare. E oggi ci fanno capire quanto Giovanni Paolo II fosse capace di infondere speranza in coloro che l’avevano persa. Anche perché lui stesso era stato segnato dalla sofferenza fin da bambino. Quindi entrava in profonda sintonia con chi soffriva.

Qual è il suo ricordo personale?

Durante la visita rimasi impressionato dall’atteggiamento della gente. Ricordo che avevano desiderato profondamente la presenza del Santo Padre. E anche nei giorni scorsi, incontrando i rappresentanti delle famiglie che hanno perduto i loro cari, mi sono sentito ripetere: Giovanni Paolo II ci ha aperto il cuore. Insomma, la memoria resta viva, anche se tutto è tornato a posto.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email