Benedizione del matrimonio di Jennifer e Santo a Castello di Fiemme

Sabato 17 agosto, nel corso della messa prefestiva delle 18.30, abbiamo avuto la gioia di partecipare alla benedizione del matrimonio di Jennifer e Santo, i coniugi nigeriani che da tre anni abitano a Castello di Fiemme.

Jennifer e Santo, l’anno scorso avevano chiesto e ricevuto il battesimo, assieme al loro figlio più piccolo; hanno quattro figli: Dominus che si trova in Nigeria con la nonna, Divine e Blessed che sono nati in Libia, David che è nato nel 2017 in Italia.
Santo era emigrato con Jennifer in Libia, aveva trovato lavoro, si trovavano bene, poi purtroppo è scoppiata la guerra. Gheddafi è stato destituito ed è iniziato un periodo di forte instabilità politica che si protrae anche oggi con grandi sofferenze per il popolo libico e per i molti immigrati africani subsahariani che sono arrivati in Libia desiderosi di emigrare in Europa per sfuggire alle difficili condizioni dei loro paesi (guerre, povertà, cambiamenti climatici).
Santo con la famiglia ha quindi deciso di salire su un barcone e tentare, con tanti altri africani, di venire in Europa. E’ approdato in Sicilia e poi nell’ambito del progetto di integrazione avviato dalla precedente giunta provinciale, è stato ospitato a Castello di Fiemme. Ora Santo ha trovato un lavoro e in settembre si trasferirà assieme alla famiglia a Ziano.
Jennifer e Santo desideravano fare una bella festa per il loro matrimonio, hanno invitato i loro amici africani che hanno partecipato con i loro costumi tradizionali e con i loro vestiti sgargianti portando una ventata di spontaneità africana nella nostra comunità, chiamata ad aprirsi ed accogliere culture diversa dalla nostra, sull’esempio dei nostri missionari che si sono adattati a modi di vivere molto diversi dai nostri per diffondere il Vangelo fra tutti i popoli.
Noi volontari ci siamo mobilitati per rendere più bella la festa: una signora si è offerta di preparare il bouquet per la sposa, un organista, originario del paese, si è reso disponibile ad accompagnare la messa con l’organo, alcune persone hanno accompagnato con il canto la messa. Don Albino, il nostro parroco, ha benedetto la loro unione e nel corso dell’omelia ha presentato alla comunità le loro vicende , incoraggiandoli, con la benedizione di Dio, a continuare il loro cammino.
Al termine della celebrazione ci siamo trovati in canonica per festeggiare e per gustare un’ottima torta.

Collaborazione di Chiara Corradini

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Email this to someone
email