Festa delle famiglie e della musica

Domenica 24 novembre, festa di Cristo Re, si è celebrata nella Pieve del parco di Cavalese la festa degli anniversari di matrimonio (i lustri) insieme ai cori e alla banda che festeggiavano anch’essi la loro patrona S. Cecilia. Questo è un appuntamento che la comunità parrocchiale di Cavalese da anni considera una delle celebrazioni forti dell’anno pastorale, una festa attesa e ricca di emozioni. Ben 24 coppie hanno voluto festeggiare i lustri partendo dai 15 ai 55 anni del loro matrimonio. Mentre il canto del coro dei bambini, del coro Coronelle, del coro di San Sebastiano, del coro Naele e della stupenda musica della banda di Cavalese hanno allietato la liturgia con le loro voci e alcuni brani musicali molto apprezzati. Una festa d’insieme che, come al solito, si è completata con uno spuntino e un momento di amicizia presso i locali dell’oratorio.

li m

olto apprezzati. Una festa d’insieme che, come al solito, si è completata con uno spuntino e un momento di amicizia presso i locali dell’oratorio.

Dedicazione della cattedrale, la festa animata da Fiemme e Fassa. TESTO OMELIA VESCOVO

Nonostante l’ondata persistente di maltempo, la cattedrale di Trento in occasione della Festa della Dedicazione si è riempita domenica 17 novembre dei fedeli giunti in particolare dalle valli di Fiemme e Fassa. La celebrazione ha ormai assunto, infatti, il significato di una sorta di conclusione solenne del percorso di formazione per gli animatori liturgici delle varie zone pastorali. Nel 2019 toccava appunto alle realtà fiemmesi e fassane.

Leggi tutto:

Dedicazione della cattedrale, la festa animata da Fiemme e Fassa. TESTO OMELIA VESCOVO

 

Vaia, vescovo Lauro: “Nella devastazione, abbiamo scoperto la forza del noi”. A Cavalese tremila pellegrini alla Madonna Addolorata

“Gli sguardi si sono uniti nel vento, le mani si sono intrecciate nel fango. Le lacrime si sono asciugate a vicenda. Nella devastazione, abbiamo scoperto la forza del noi”. Così l’Arcivescovo Lauro nell’omelia della s. Messa a un anno dalla tempesta Vaia, nella chiesa di Sant’Apollinare a Trento, la sera di sabato 26 ottobre.

Vaia, vescovo Lauro: “Nella devastazione, abbiamo scoperto la forza del noi”. A Cavalese tremila pellegrini alla Madonna Addolorata